Providermag x adidas Originals Tubular presenta Rock’n Yolk

Providermag x adidas Originals Tubular presenta Rock’n Yolk

Providermag si unisce al fianco di adidas Originals per raccontarvi una delle storie più innovative e sorprendenti del 2015: Tubular, la nuova scarpa del Trifoglio ci aveva sorpreso ed appassionato fin dal suo esordio.
La sua silhouette fuori dagli schemi classici di adidas Originals è stata una delle ardite scommesse lanciate quest’anno.

Nata da una visione futuristica, Tubular rappresenta innovazione. Un nuovo percorso che vi mostreremo in questo giorni attraverso un progetto in cui Providermag ha ritratto quattro delle più interessanti realtà romane, tra musica e design, ed il loro modo di esprimere lo streetwear contemporaneo. Quattro entità unite da una visione futuristica come quella di Tubular tra gli scatti di CL233.

Il primo incontro è con Rock’n Yolk crew di rilievo della nightlife romana, che nasce nel maggio del 2011 con l’obiettivo di unire il suono all’estetica. Elettronica, house e techno si fondono in un prodotto che ha nelle sue radici una ricerca minuziosa dell’originalità del suono. Un uovo, simbolo di RNY, rappresenta vita ed energia, elementi che rendono uniche le loro serate.

Per raccontarvela abbiamo incontrato Max Strike, fondatore del progetto.

Quando nasce l’idea del tuo progetto e cosa ti ha spinto a scegliere Roma come sede del tuo lavoro?

Rock’n Yolk è nato nell’estate del 2011. Avevo l’esigenza di lavorare su un progetto che rappresentasse a pieno me e tutte le persone con le quali condividevo l’amore per la musica e il clubbing.
Non avrei potuto scegliere un’altra città: lavorando a Roma da più di 10 anni, ho potuto mettere le basi ad un progetto che riuscisse a sfruttare a pieno tutto il potenziale che questo posto potesse offrirmi.

Nell’era dell’informazione in streaming dove trovi principalmente inspirazione per sviluppare nuove idee per Rock’n’Yolk?

La nostra evoluzione artistica è frutto di lavoro e di ricerca costante. Oltre ad analizzare tendenze musicali, grafiche e di moda ci confrontiamo con realtà italiane, ma anche con i migliori festival d’Europa. Il nostro obiettivo è offrire al pubblico un prodotto innovativo ed in continuo movimento.

Chi è secondo te un influencer?

Un influencer è colui che ha la capacità di trasmettere le proprie passioni e interessi ponendosi come fonte d’ispirazione per gli altri, indicando trend che la massa non sempre recepisce.

Qual è l’elemento che non deve mai mancare in una serata di Rock’n Yolk?

Di certo l’elemento essenziale di ogni mio progetto è legato alla musica, per questo nel corso degli anni sto portando avanti una programmazione artistica di spessore ma volgo molta attenzione anche all’aspetto grafico, fotografico e ricerca di location per un pubblico selezionato e capace di recepire ciò che intendiamo trasmettere.

Quando adidas Originals ha lanciato Tubular il tuo pensiero è stato?

Sicuramente ho supportato la scelta di adidas Originals di investire su prodotti meno commerciali e adatti ad un pubblico più ricercato. Tubular è una sneaker che riesce a coniugare gusto minimalista spirito zen e richiami tecnologici.

La nuova adidas Originals Tubular è innovazione, tecnica e stile. Come trasformeresti queste sue peculiarità in un oggetto/immagine/suono del tuo mondo?

Tubular è innovativa quanto la musica elettonica sperimentale, è tecnica come le grafiche e i visual realizzati in 3d e trendy come i soggetti negli scatti fotografici che raccontanto i nostri eventi.

Quando hai indossato adidas Originals Tubular la prima volta la tua reazione è stata?

Bella, comoda e sicuramente in linea al mio stile e perfetta per materiali e fisionomia.