Swizz Beatz e Shaq discutono il ritorno delle Reebok Shaq Attaq e Shaqnosis

Swizz Beatz e Shaq discutono il ritorno delle Reebok Shaq Attaq e Shaqnosis

Torniamo ancora una volta a parlare di Reebok, che ha iniziato il 2013 veramente con il coltello tra i denti, sempre più decisa a fare lo sgambetto ai suoi rivali.
Sarà stato proprio per la tenacia del rapper Swizz Beatz, che al momento è creative director di Reebok Classic, il quale anche su Instagram ogni tanto ci anticipava qualche release, schernendo la concorrenza. Ma adesso è ormai più che confermata la voce di due attesissimi “comeback” sulla scia delle Kamikaze II. Stiamo parlando delle Shaq Attaq e delle Shaqnosis, due pietre miliari nel mondo del Basket.

Cominciando dalla Shaq Attaq, giusto per fare un po’ si storia, c’è da sapere che verrà riportata alla luce nella colorazione OG degli Orlando Magic, proprio la squadra che nel 1992 ingaggiò il talentuoso rookie Shaquille O’ Neal. E’ stata la prima scarpa a portare il nome del gigante del New Jersey, in arrivo da Louisiana State University, che tra le tante cose grandi che fece quell’anno, sicuramente non possiamo dimenticarci che riuscì a spaccare il canestro per ben due volte durante una partita ufficiale proprio con queste scarpe ai piedi. Per ricordare questa sua attitudine alle schiacciate ed esplosività fisica, viene cucito sul tallone il logo Dunkman con la scritta SHAQ. Dal punto di vista “tecnico” la tomaia è costruita con diversi tipi di pellame e materiale sintetico, troviamo la famosissima tecnologia Pump di Reebok, una suola in Graphlite e, per quanto riguarda l’ammortizzazione, una struttura in Hexalite.reebok-classics-2013-shaq-attaq-1

Passiamo adesso alla Shaqnosis, che fu introdotta nel 1995 come seconda scarpa signature sempre di Shaquille O’Neal. Il team di Reebok in questo caso ha optato per un design azzardato e “psichedelico”, capace di far innamorare o farsi detestare, ma che comunque serviva semplicemente ad attirare sempre di più l’attenzione su Shaq sia durante la partita che fuori dal campo. La tomaia è costruita a “stati” in pelle bianca e nubuck nero, mentre stavolta il sistema di ammortizzazione è inUltra Hexalite sul tallone e in Hexalite sotto la pianta del piede, da notare la mancanza del sistema Pump. Cosa che però non può mancare è il Dunkman, a rimarcare la Player Edition, che è posizionato sulla parte frontale della scarpa.

reebok-classics-2013-shaqnosis-1

Le Release date sono rispettivamente: il 19 Aprile per le Shaq Attaq, che costeranno 160$, e il 19 Luglio per le Shaqnosis, che costeranno 125$.

Adesso, se non l’avete già fatto, potete godervi il video qui sopra in cui Shaq e Swizz Beatz discutono e ci illustrano queste due fantastiche sneakers.