The Breakfast Club

The Breakfast Club


Norse Projects x GoodHood 5 Panel

Quasi non vorrei più mettere nemmeno una parola nel box di testo e lasciarvi solo le immagine del prodotto, della serie mi piace, clicco, compro. Ma questo 5panel ha una sua storia e un minimo va raccontata. Una colazione un pò noir quella di oggi. Il nuovo brano dei The XX fa da sottofondo al giro nell’online store di
Norse Store dove spunta il cappello realizzato in collaborazione con GoodHood. Black e pois che calza a pennello nel mood del giorno.


Milano Calibro 9 – di Fernando Di Leo, 1972

Tratto da alcuni racconti del grande Giorgio Scerbanenco, “Milano calibro 9” è un noir italiano in cui tutti i personaggi sono cani arrabbiati messi dal destino uno contro l’altro; sullo sfondo una Milano plumbea e malinconica, anni luce dalla città del glamour che diventerà.
Ugo Piazza è un criminale che esce di prigione e si ritrova suo malgrado coinvolto dai fantasmi del suo passato, invischiato da una refurtiva di cui fece il corriere, sparita e mai più ritrovata, un malloppo che fa gola a molti e per riavere il quale non si guarda in faccia a nessuno.
Fernando Di Leo, già sceneggiatore della “trilogia del dollaro” per Sergio Leone, dirige un eccelso e drammaticissimo Gastone Moschin, affiancato da un Mario Adorf in stato di grazia, colonna sonora cult orchestrata da Luis Bacalov ed eseguita dal gruppo progressive-rock degli Osanna.
Milano Calibro 9 è la dimostrazione che può esistere di un cinema italiano popolare ma di qualità e dalla caratura internazionale, che non scimmiotta nessuno e sa parlare del proprio paese con un linguaggio autoctono.
È un classico ormai assodato, con attestati di stima da parte di registi di ogni età e nazione, primi su tutti Tarantino e Rodriguez, che addirittura in Planet Terror ne omaggia la famosa scena del ballo sexy di Barbara Bouchet. Un Italia a tinte fosche per una domenica piovosa e autunnale. Buona visione

Text Marcello Crescenzi