Signs Inside In: Matteo Armellini

Signs Inside In: Matteo Armellini

A volte la fotografia si trasforma in un documento.
Storie di eventi sociopolitici e culturali possono essere raccontanti attraverso le immagini.
Questo è il caso di Matteo Armellini, altro candidato di Sign Inside In, che in questa circostanza trasforma la fotografia in reportage.
Il significato specifico del termine rappresenta un modo di catturare la realtà fatto di storie, stili di vita ed eventi lontani dal mondo comune, quello più civilizzato e banalmente contaminato dai massmedia. Un fenomeno, che da un anno a questa parte sta prendendo piede, quello del progetto a breve o lungo termine, dove giovani ragazzi possono allontanarsi dal proprio paese affrontando realtà sconosciute per ritornare con qualcosa da condividere.
Matteo non si avvicina subito alla fotografia se non in un secondo momento, dopo gli studi di sociologia, uno dei motivi che probabilmente l’ hanno portato ad intraprendere questo percorso, che fa dell’ arte un mezzo diretto per raccontare quello che le parole non riescono a dire.
Parte dalla capitale Roma, e si prepara a partire per la Jamaica con un progetto tutto personale riguardane lo stile di vita di questo fantastico popolo. Accadrà perciò che nel 2011 Matteo fonderà la JSP, la Scuola di Fotografia giamaicano attraverso il patrocinio del Consolato Italiano in Giamaica, in collaborazione con l’organizzazione “Stand Up for Jamaica”, con uno scopo che si allontana in ogni modo da un tornaconto economico, quanto con il fine di aiutare i giovani del ghetto a migliorare la propria quotidianetà attraverso la fotografia.
Un progetto interessante che merita sicuramente attenzione, in quanto ci porta a riflettere su quante realtà possano passarci davanti gli occhi, ma che forse spinti, quasi inconsciamente, da quell’ irrefrenabile egoismo di focalizzarci sulle proprie vite, che quasi ci dimentichiamo di osservare lasciando spazio alla pigrizia.
Apriamo così Novembre, penultimo mese per la scelta dei candidati. Continuate ad inviare le vostre richieste, il tempo ormai sta per terminare.