Signs Inside In: Leonardo Caporale

Signs Inside In: Leonardo Caporale

C

ontinua e termina per questo mese d’Ottobre il terzo incontro con l’ultimo candidato.
Si sono dati il cambio due artisti con stili tra loro opposti, includendo quest’ ultimo che stiamo per presentarvi.
Leonardo Caporale, classe 1974, già a venti anni inizia a collaborare e a smanettare tra web design e applicazioni Web, affiancando piccole, medie e grandi imprese, ma la sua passione è ben altra.
Già all’ età di dodici anni con la sua prima polaroid si avvicinò alla fotografia, che trasformò in vera e propria passione con l’ arrivo della sua prima reflex, una Olympus OM10.
Da quel momento in poi ne sono passati di anni, di esperienze, formazioni e crescite personali, fino ad arrivare al 2007, dove la sua passione divenne una professione.
Il suo occhio cade direttamente sull’ architettura, gli edifici e alcune forme d’ arte che lo spingono a specializzarsi in Still Life, Food e ritratti. Il rapporto con l’ oggetto e la realtà inanimata non è facile da cogliere. La fotografia è ampia varia, è fatta di scelta.
Chi decide di adeguarsi e assecondare l’ occhio esterno, chi invece se ne frega ed esprime liberamente il proprio pensiero attraverso l’arte, perché poi è di questo che stiamo parlando. Animare gli ogetti, valorizzarne tutti gli aspetti e trasmettere la visione che si ha all’ esterno, è frutto di una sensibilità spiccata, più razionale e fatta di una filosofia di semplificazione che si accosta molto al design.
Non vi resta che scorrere le immagini e valutare voi stessi se Leonardo si merita la finale.