Something from Nothing: The Art of Rap

Something from Nothing: The Art of Rap

E’ stato da poche ore presentato in Italia, l’ultimo documentario sul Rap proveniente dagli U.S.A., ora direte:”e cosa c’è di nuovo?”. Beh innanzitutto il regista è uno che di Rap e strada ne sa parecchio, Ice-T, che sin dal 1982 componeva rime sulla west coast.
Il rapper e attore losangelino stavolta indaga sulle origini di questo genere musicale, dall’underground al successo mondiale passando per opinioni e aneddoti raccontati dai più grandi artisti dell’ambiente, da Eminem ai Run Dmc, da Chuck D dei Public Enemy a Dr.Dre. La colonna sonora è inutile stare qui a raccontarvelo, è di altissimo livello e la scelta di mantenere l’audio in lingua originale, introducendo solo i sottotitoli in italiano, è la naturale aspirazione per una pellicola come questa presentata addirittura al Sundance Film Festival.
In Italia la presentazione sponsorizzata in grande stile da G-shock, brand legato da un fil rouge al mondo street e soprattutto indossato da molti rapper, ha visto l’intervento di Marracash e Entics in veste di ambasciatori di una cultura e di un filone musicale che anche qui è ormai totalmente radicato. Che vi piacciano o no le rime e il ritmo a volte pesante del rap, potete investire 2 ore del vostro tempo per saperne qualcosa di più e non fermarvi a fischiettare!