High Fidelity | Dj Hendrix

High Fidelity | Dj Hendrix


Nuova domenica e nuovo appuntamento con High Fidelity. Dopo i primi due appuntamenti ‘casalinghi’ (il terzo saltato perché impegnati in Visionary), oggi abbiamo il piacere di ospitare una guest, come vi dicevamo che sarà mensile. Un artista differente, che all’interno di questo spazio presenterà la propria top five.
Per la prima incontriamo un personaggio d’eccezione: ladies & gentlemen, Dj Hendrix. Per chi non lo conoscesse, possiamo definire Dj Hendrix un eclettico e visionario, da sempre appassionato di musica e arte, che ama confrontarsi con la dance music in maniera del tutto nuova: far ballare rimane importante, ma raccontare una “storia” quando si è in consolle lo è ancora di più. I suoi dj set sono come una jam session tra chitarristi rock, produttori di elettronica, bassisti neri sopravvisuti al paradise garage e visionari sciamani indiani!
Questa la sua chart, da sentire e vedere.

New Sunday and new post on High Fidelity. Today we have the pleasure of hosting a guest, one for month, a different artist that within this space will present his own top five.
For the first, meet an exceptional character: ladies & gentlemen, Dj Hendrix. For those who don’t know, we can define Dj Hendrix as an eclectic and visionary, always fond of music and art, who loves to deal with dance music in a totally new way: it’s essential to dance, but tell a “story” behind the consolle is even more. His dj sets are like a jam session between guitar rock players, electronics manufacturers, blacks bassists survived at paradise garage and visionary shamans!
Here’s his chart, to hear and see.

1) Com Truise – ‘Sundriped’ (1978)

2) SKY – Westway (Live) (1980)

3) Bauhaus – ‘Bela Lugosi’s Dead’ (1979)

4) Stretch – ‘Why did you do it?’ – (1975)

5) Michael Jackson, Prince & James Brown – ‘Togheter in Stage’ – (1983)