Providermag Interview: Munk (Gomma Rec.)

Providermag Interview: Munk (Gomma Rec.)


Sul suo passaporto c’è scritto Mathias Modica nato a Roma residente in Germania, boss e co-fondatore, insieme a Jonas Imbery, della Gomma Records, l’etichetta di artisti Rodion, Mercury, Moulinex. Di passaggio a Roma per la consueta tappa immancabile nel calendario di L-Ektrica, l’abbiamo incontrato per parlare del suo ultimo album ‘The Bird And The Beat‘ uscito a febbraio, con il quale è in tour.

Thanks to L-Ektrica
Photo by Providermag
English version on page 2

Partiamo dal tuo ultimo album. Idee, ispirazioni, cosa ti ha portato a creare un compilation di remix?

L’idea principale è che ci sono io che ho fatto i pezzi e poi ci sono 10 ragazze che cantano. Più o meno ogni pezzo ha un vacolist diversa. C’è una ragazza dal Brasile, una dalla Malesia, due italiane, due francesi una inglese.
L’altra idea dietro è stata quella di partire dal concetto dell’house anni ‘90 cercando di spingere questo concetto verso altri fronti come il dadaismo tedesco, il funk anni 70, la italo disco, gli anni ’80.
Nei primi due album che ho realizzato c’erano solo due featured. Nell’ultimo di tre anni fa c’era Asia Argento che ha cantato su due pezzi, e nel primo con James Murphy degli LCD Soundsistyem.

Per quest’album qui avevo inizialmente pensato di farlo puro, strumentale, in stile jazzistico. A un certo punto sono arrivato alla conclusione che non mi piaceva questo concetto. Ho capito che dovevo fare qualcosa di completamente diverso. Ho pensato al concetto delle collaborazioni al fatto che ne avevo realizzate poche in passato. Ho pensato così di spingere all’estremo quest’idea, facendo un album di sole collaborazioni con solo ragazze.

Le hai scelte per l’aspetto fisico?

Ma certamente (ride). No scherzo, avendo passato circa gli ultimi 8 anni tutti i weekend nei club a suonare, cosa che amo, ogni volta entro in contatto con ragazzi ,”nerd”, che mi chiedono come hai fatto questa cosa qua, o quest’altra. Cosa bellissima, ma il contrario del nerdismo dei ragazzi testosteronizzati sono le ragazze. A un certo punto allora abbiamo pensato di fare un album con sole ragazze amiche mie
Come si sente un artista alla chiusura di un album
Vomito puro! Puro perché devi risentire l’album mille volte, Per me ci sono voluti 15 anni di musica per capire quando un pezzo è finito e mettere un punto, dire basta, lo faccio uscire con il mio nome e non mi pento, perché ogni volta lo vuoi sempre migliorare e non finisci più. Poi arrivato a questo punto qua non è finita. Inizia poi il mastering, infine il sound finale dove vanno inseriti i vari secondi tra le tracce ed un 1 secondo 3 secondi fanno la differenza.
Poi quando esce l’album, la gente te lo chiede sempre, lo risenti dappertutto. Ma già quando arrivi al primo punto, quello in cui chiudi il pezzo hai paura perché non vuoi farlo. Sei spaventato.

Se quest’album fosse un piatto da mangiare, quale sarebbe?

Ma quest’album qua sarebbe un piatto italiano perché ci sono un sacco d’influenze italiane. Uno dei concetti di quest’album è quello di mischiare parecchio le voci delle cantanti. Sarebbe quindi una cacofonia gastronomica in senso positivo. Un piatto bello ricco (ride).

E se fosse un drink?

C’è questo Vasco Rossi tedesco, Udo Lindenberg, che quando era ancora sulla scena diceva sempre che una cosa che gli piacerebbe bere era apotheke, che significa farmacia,. E’ lui con i suoi amici di bar amavano bere questo apotheke che nel loro senso significava prendere tutto quello che c’era nel bar e mischiarlo in un unico cocktail. Quindi, sempre in senso positivo, sarebbe un apotheke.

Tra i remix dell’album ci sono i The Twelves. Siccome è un duo che sequo da parecchio tempo, ero curioso di sapere come eravate entrati in contatto. Brasile vs. Germania

Sinceramente io non li conoscevo bene neanche molto bene. Cercavamo qualcuno per un remix disco. E’ arrivato un mio amico che si ricordava di loro, anche se sinceramente non ricordo se loro avevo contatta Gomma o se aveva letto su intervista che gli sarebbe piaciuto un giorno collaborare con la mia etichetta. Quando scegliamo qualcuno da far uscire sulla nostra label vogliamo sempre che sia qualcuno amante del nostro progetto. Li abbiamo così contattati e hanno detto subito di si.

Siamo in Italia. Ci devi per forza raccontare tutto su come è nata la traccia ‘La Musica’.?

Solo adesso dopo due anni che l’ho prodotta riesco a capire perché l’ho fatta. Quando la stavo registrando, a Roma, nello studio di un mio amico, i ragazzi che erano lì con me mi dicevano non farla, lascia stare! Adesso riesco a capire cosa mi faceva sembra quel brano normale.
Perché essendo mezzo italiano , ma vivendo in Germania, ho passato parecchie estati in vacanza in Italia e andavo a ballare nei locali italiani. Quando andavo nelle discoteche sentivo gli MC parlare sopra le canzoni con queste voci robotiche che lanciavano slogan. E quello era quello che percepivo io da turista del lifestyle italiano, come se fosse la normalità.
Alla fine è vero…. L’italia è governato da un manager di pubblicità, di una società come Fininvest. Gli uomini al potere non sono politici. Erano gli anni ’80 quando è nata l’idea del “berlusconismo” della radio italiana, della tv italiana. Quindi quel fare italiano tutto italiano era vero e rispecchiava quello che stava succedendo!

C’è qualche artista passato o presente di quelli con cui avresti voluto collaborare?

Ci sono sempre, ma la maggior parte è scomparsa, Siamo in Italia quindi parlando di gente italiana con cui mi sarebbe piaciuto collaborare c’è Lucio Dalla, Gobllin, Simonetti, Celentano anche i neo melodici, mi affascina questo fenomeno, come in una città si possano vendere così tanti cd di un cantante locale.

Parlando invece di della tua Gomma records, nuovi artisti e nuove produzioni in uscita?

Adesso escono due cose importanti. L’album Nick McCarthy, il chitarrista dei Franz Ferdinand e si chiamerà Box Codax. Per definirlo gli abbiamo dato una connotazione tra Frank Zappa e DFA .
E poi c’è l’Ep Dimitri From Paris che è stato un mito dell’house europeo francese. Uscirà con un nuovo Ep prodotto insieme a dj Rocca, italiano, dell’Emilia Romagna.
Poi c’è un sacco di roba nuova.
Ci sono i Mercury tra i nuovissimi. Hanno firmato un contratto con noi e a breve usciranno con un Ep.


Ci consigli un disco che almeno una volta dovremmo ascoltare?

Parlavo di Zappa…Roxy & Elsewhere un doppio disco del ’74. Un divertimento totale.

La domanda che non ti fanno mai durante le interviste per la quale hai una risposta pronta?

Beh…do solo la risposta e la domanda ve la lascio a voi (ride)….BUNGA BUNGA.