Adidas Grün and Guerrilla Gardening

Adidas Grün and Guerrilla Gardening

aidas-grum-2.jpg

E’ il nuovo trend nella produzione dell’abbigliamento di grandi firme. Realizzare prodotti biodegradabili o ottenuti attraverso il reciclo di materiali di scarto. La parola chiave è Eco-Friendly.

Tra le società che faranno di questa nuova filosofia produttiva una leva competitiva nel 2008 c’è Adidas. Grün è infatti la nuova collezione eco-friendly di Adidas Originals che si declina in tre filoni: Made From, Recycled e Reground. Quest’ultima per esempio è una linea composta da capi tessili e attrezzature biodegrdabili al 100%, accompaganta dallo slogan “Provate a seminarci”. Beh, provateci per davvero e vedrete che dopo una anno e mezzo scompariranno totalmente.
La linea Recycled, come si intuisce, utilizza materiali reciclati come il PET, mentre invece nella linea Made From il “vegetale” è alla base della produzione. Cotone, bambù, juta, canapa, sughero sono stati macerati e trasformati in vestiti, scarpe e accessori.

Il tutto nasce da un nuovo filone ambientalista che si sta diffondendo, chiamato “Guerrilla Gardening“, ultima frontiera dell’ambientalismo militante. La prima volta che se ne è sentito parlare è stato a New York nel 1973, quando il Green Guerrilla Group di Liz Christy ha trasformato l’area tra Bowery Street e Houston Street in un giardino. Secondo molti l’ispirazione arriva addirittura da un gruppo di contadini, chiamati “diggers”, che nel 1649 occupavano terreni incolti di proprietà dei nobili nella regione inglese del Surrey.
Il Guerrilla Gardening è arrivato anche in Italia. Da Caserta a Milano, passando per Roma e Torino, accompagnato dal grido “il verde vinca sul cemento”, come cita il primo comunicato del collettivo Salvaguardia Casaluce di Caserta.

Jhon Lennon nel ’69 cantava “I start a revolution from my bed“.Aveva capito che la rivoluzione inizia in casa, ma soprattutto che la voce di un’artista può essere molto più forte di quella di tante persone insieme. Come lui, nel corso della storia, altri nomi del mondo della musica come Radiohead, Pearl Jam, Bruce Springsteen, o gli italiani Frankie HI-NRG, Le Vibrazioni, Giorgia e Jovanotti, hanno capito l’importanza del loro ruolo e si sono fatti portavoce di un messaggio importante per il futuro di tutti.

Le conseguenze del nostro attuale modo di vivere sono state messe in luce più volte dai media. Ognuna agisce poi con la mano sulla coscenza consapevole del suo fare.
Il sentimento di qualcuno, davanti al fatto che una multinazionale come Adidas si faccia portavoce di un messaggio del genere, sarà quello del disprezzo contro l’ipocrisia che ancora una volta vige sulla nostra società. Penso però che molti possano invece cosi considerare il problema e magari cercare di agire in difesa della terra.