SIGNJAM Live 2008 – Incursion into this street culture – day1

SIGNJAM Live 2008 – Incursion into this street culture – day1

signjam2.jpg

Pochi giorni fa Milano ha avuto l’onore di ospitare alcune dei nomi più importanti della street culture arrivati nella città meneghina in occasione del Signjam Live 2008, manifestazione destinata alla formazione e all’informazione sulla street culture. Per Providermag c’era Andrea di Freshngood, inviato d’eccezione, che ci racconta come si sono svolti questi due giorni tra worshop e conferenze.

DAY 1.
6 aprile: STREETWEAR.
Guests: Steven Vogel (Ger), Fats Shariff (UK), SheOne (UK),
Giorgio Di Salvo e Paolo Budua (VNGRD CREW – IT)

La prima delle due giornate è cominciata verso le 11 e i presenti – comprensivi di pubblico e ospiti vari – saranno stati un centinaio, di cui la maggioranza era composta dagli studenti universitari, direttamente chiamati in causa alla partecipazione di questo evento.
Nella prima parte della giornata si sono tenute le conferenze, dove i vari “guests” hanno cercato di fare il punto sullo stato dell’arte in fatto di StreetCulture in generale e Streetwear nello specifico.
Molto interessanti e ben argomentati si sono rivelati tutti gli interventi dove ognuno ha portato un contributo dal contesto in cui vive e lavora. A parlare della specifica situazione del nostro Paese c’erano Giorgio Di Salvo e Paolo Budua, ovvero le menti di VNGRD, uno dei pochi marchi italiani del settore che è riuscito ad affermarsi anche all’estero.
Fotografia, graffiti e streetwear a parte, degna di lode è stata la riflessione – emersa in tutti gli interventi – sulle origini e le prospettive di questo movimento che sempre meno ha a che vedere con termini come “strada”, “nicchie”, “underground”, “subcultura”… e sempre più sta emergendo in tutto il mondo e in tutti gli ambiti di interesse pubblico: dalla Musica alla Moda, passando per l’Arte e il Design.

Nel pomeriggio si sono tenuti 2 workshop: streetwear, con i ragazzi di VNGRD e fotografia con Fats Shariff. Nel primo, i presenti si sono cimentati con le più grezze origini dello streetwear, producendo magliette attraverso il solo impiego di bombolette spray e stencil; i risultati sono stati diversi, alcuni davvero notevoli. Parallelamente, Fats Shariff dopo una breve lezione sulla storia, la tecnica e lo stile della fotografia “street”, è uscito per strada con i ragazzi a fare alcuni scatti, per poi tornare al suo Mac e commentarne i risultati.

signlam-4.jpg

signlam-3.jpg

signlam-5.jpg

signlam-7.jpg

signlam-6.jpg

  • YO!

  • GwestN

    DAMMMM peccato non stare là! Milano-Roma so far!