Kavinsky & So Me – foto

Kavinsky & So Me – foto

Kavinsky & So Me - Providermag

Un continuo sbalzo fra epoche diverse, suscitando emozioni,ricordi e risate.Tutto questo sono riusciti a fare ieri sera Kavinsky & So Me, attraverso brani vecchi e nuovi su quali tutti si sono divertiti a ballare.
Grazie anche a personaggi variopinti come i sosia dei Beehive, nell’aria il profumo degli anni 80 con i suoi suoni midi e le t-shirt ipercolorate, era forte all’olfatto.
Gli anni 90 invece si sono manifestati quando “Do wanna show zick men” è stata espulsa dalle casse e in molti, compiaciuti da quello che stava accadendo, non ha potuto fare a meno di alzare le mani al cielo e di coreografare la cosa insieme a Kavinsky.
Siamo arrivati ai giorni nostri con i brani di Daft Punk, Justice, Gossip e con quelli naturalmente dell’ospite, che ci ha fatto uscire fuori di testa con la sua “Testarossa Autodrive” e “Wayfarer”
Un complimento va anche al team del L-ektrica, che continua a portare nella capitale artisti di successo, illuminando di luce splendente le serate romane.
Tutte le foto sullo spazio flickr