Untho is never tired

Untho is never tired

Questo mese Provider ha intervistato un vero interprete della street art.Il suo nome è Alessio Schiavon,in arte UNTHO, che con i suoi poster e adesivi sta invadendo la terra per cercare di farle scuotere la testa e accorgere di quello che gli sta accadendo intorno

Che cosa significa UNTHO?

Untho nasce come nome del mio primo sito/galleria online.Appena arrivato a Milano ho iniziato a ritrarre le persone che incontravo utlizzando supporti presi in strada come cartoni, avanzi di armadi o cassonetti etc…Ad un certo punto ho pensato di mettere in rete questi lavori e quindi di cercare un nome adatto per il sito.E’ nato cosi untho.net dove Untho infatti significa:UrbaN TrasH Optimized ovvero Spazzatura Urbana Ottimizzata.Urban rappresenta la città in quanto il soggetto principale dei miei lavori sono le persone che la subiscono.Trash la spazzatura ovvero gli elementi che prendo in strada Optimized si riferisce invece alle foto dei quadri preparate per essere pubblicate in rete ovvero ottimizzate.
Quando è iniziato tutto e quale è stato il tuo primo rifiuto raccolto e ottimizzato?

Circa nel 98/99…avevo iniziato a prendere i cartelloni pubblicitari vicino alle edicole….sai quei cartoni 70x100cm su cui incollano le publicità gli edicolanti. Tutte le sere uscivo e ne prendevo 3/4 per poi dipingerli a casa.

Qual è stato l’evento che ti ha portato a generare questa filosofia

Sicuramente l’ incontro/scontro con la città e la gente che la vive.

Cosa cerchi di trasmettere con le tue opere

Forse cerco di sfogare la rabbia che ho dentro….cerco di descrivere gli stati d’animo delle persone che incontro e le maschere che indossano per interpretare i ruoli della vita.Untho è nato come provocazione verso le persone che ritraevo,volevo cercare di farle riflettere sul loro modo di vivere.Alla parola Untho unii quindi l’icona e comincia ad attaccare posters o adesivi nei posti più visibili che trovavo in città.Tutti contenevano frasi mirate a provocare chi leggeva:Per esempio “Untho is faster than you” ai semafori – “Untho is never tired ” – di fronte alle palestre oppure in cima alle scale della metropolitana.

Dove hai esposto le tue opere?

In pochi posti….Non ho mai cercato la galleria come punto di arrivo dei miei lavori.Comunque ho fatto tre piccole mostre personali (la più recente
riscale a 3 anni fa) : La prima chiamata “Urban Trash” presso un locale/spazio espositivo a Brescia,la seconda in uno spazio chiamato “Spazio Small” a Milano e la terza per Volcom sempre a Milano.Di recente ho anche dato alcuni lavori per la mostra “Untilted, a documet of Street Colture” a Barcellona e ho realizzato un quadro durante lo show “The Park” a Londra.

Qual è l’opera che non ti stancheresti mai di osservare e della quale vai più fiero?

Probabilmente l’icona Untho….è stata il frutto di molti anni di lavoro e riflessioni.

So che hai una certa avversione verso chi utilizza sticker e murales senza cercare di dir qualcosa?

Ho sempre interpretato la street art come una forma artistica mirata a trasmettere un messaggio. Diciamo che non apprezzo chi sporca la città.Credo che si debbano rispettare delle regole non scritte sui luoghi dove attacare i poster, adesivi o fare graffiti.

La cosa che ho trovato molto interessante del tuo progetto è l’utilizzo di un cruciverba “cittadino” come metodo di coinvolgimento?

La stampa che contiene il cruciverba è la terza di una serie di opere nate da “Untho is faster than you”.La prima raffigurava “tre finestre” con Untho nella terza e delle strisce che ne indicano la velocità nelle prime due.Nella seconda stampa invece ho inserito un labirinto nella finestra centrale: Untho è più veloce di te anche ad attraversare un labirinto.La terza invece al posto di un labirinto ha un cruciverba che risolto contiene la frase “Untho is faster than you”. Nella maglietta (adesso in negozio) c’è la soluzione stampata all’ interno.

Dove trovi l’ispirazione per le tue opere?

Viaggiando per fare snowboard, surf…forse è propio il contrasto tra natura e città. Vivendo nelle metropoli spesso ci dimentichiamo il rapporto con la natura per cadere nel loop “lavoro-denaro-apparire”.

Tra le tue opere quale credi che sia la più provocatoria?

Tra quelle stampate su t-shirt, probabilmente la falsa copia del giornale “Daily News” che presenta in prima pagina la scritta: “Think for yourself, Question Authority”.Diversamente il poster “Untho is Never Tired” (il primo che ho realizzato) credo che contenga il messaggio più forte e più provocatorio.

Che musica ascolti quando lavori?

La musica ha una fortissima influenza nei mei lavori e anche nelle mie scelte.Credo che ci sia un genere giusto per ogni stato d’animo quindi vario molto da momento in momento.Ultimamente ascolto molto punk/metal di giorno e hip/hop, elettronica la sera.

Qual’è l’ultimo cd che hai comprato?

Due/Tre anni fà dopo anni di attese sono riuscito a regalarmi piatti/mixer etc… ed ho cominciato a suonare ed a collezionare vinili.L’ultimo che ho comprato l’ho vinto ieri sera ad un asta su ebay:E’ una vecchia produzione di MoWax che si chiama “Quartermass – The art of beats” , raccoglie alcune delle prime tracce di abstract hip/ hop tra cui Shadow,Krush,Qbert….

Se dovessi consigliare un album che nome faresti?

Bella domanda……il panorama musicale è amplissimo!E’ un periodo che sto ascoltando molto The Amplification of Self Gratification degli ASG, gruppo metal di Volcom Entertainment che consiglio vivamente.Diversamente, Ki-Oku o Milight di DjKrush sono due album da avere cosi come quasi tutte le produzioni di Dj Shadow partendo da Entroducing…

Attualmente stai lanciando anche una linea di abbigliamento.Non hai paura che questo inquini la filosofia di UNTHO ?

Ci ho messo quasi un anno per rispondermi alla stessa domanda….La mia idea principale è sempre stata quella di diffondere un messaggio attraverso Untho.Utilizzare i vestiti significa sfruttare un altro medium che probabilmente è in grado di raggiungere ancora più persone.Di conseguenza sono più che contento di mettere le mie idee nei vestiti!

Dove troveremo le tue t-shirt?

Untho propone uno stile di vita per persone che vivono in città ma sono sempre pronte a spostarsi per fare snowboard, surf, skate,arte o musica. La linea comprende magliette, pantaloni, felpe, giacche, polo, accessori vari etc…dedicati quindi a chi vive in città ma è sempre pronto per viaggiare. Nei capi più costruiti come pantaloni, giacche felpe ci sono difatti molti dettagli studiati apposta per viaggiatori.I negozi migliori dove trovare Untho sono sicuramente quelli di streetwear (come Urban Star) anche se non sono ancora molto diffusi in Italia.Abbiamo inoltre selezionato i migliori negozi di Skate/Snowboard/Surf essendo le radici di Untho direttamente legate alla tavola.
C’è una domanda per la quale hai una risposta pronta da tempo ma che nessuno ti ha mai fatto?

Se tu potessi partire oggi per due mete, dove andresti?

UNTHO